Notizie

Il crack epidermico (crepe della pelle)
27 Apr 2018
Il crack epidermico (crepe della pelle)

Che cos’è il crack epidermico (crepe della pelle)?

Piedi screpolati e la formazione delle cosiddette fessure sul tallone o plantari, sono disturbi comuni che interessano indistintamente uomini e donne, ma si sviluppano con maggior frequenza tra gli anziani.

Quando invecchiamo infatti, il grasso protettivo di cui è in parte formata la pianta del piede diventa più sottile e la perdita di questo ammortizzamento può aumentare lo stress della cute portando ad una pelle callosa o con crack epidermici (soprattutto nella zona dei talloni).

Quali sono i sintomi del crack epidermico (crepe della pelle)?

La comparsa di fessurazioni o crepe può essere motivo di disagio e imbarazzo, ma sono condizioni che non vanno prese sotto gamba in quanto oltre a dolore comportano disagi notevoli per chi ne è affetto: difficoltà a stare in piedi, indossare calzature e se non curate possono aggravarsi in lesioni sanguinanti e portare ad infezioni.

I sintomi più comuni sono:

  • Secchezza della pelle con desquamazione
  • Prurito
  • Lesioni o crepe: è possibile denotare delle fessurazioni soprattutto in corrispondenza dei talloni
  • Dolore e sensibilità: soprattutto mentre si cammina
  • Indurimento cutaneo: perdendo umidità la pelle può indurirsi e diventare ruvida ritardandone la guarigione

Quali sono le cause del crack epidermico (crepe della pelle)?

Alcune delle cause più comuni di questo disturbo:

  • Età
  • Essere obesi o gravemente sovrappeso (per la pressione esercitata sulla pianta del piede)
  • La mancanza di igiene e cura della pelle ( intorno al tallone )
  • Problemi di salute come il diabete
  • Il piede d’atleta
  • Cattiva circolazione nei piedi
  • Sollecitare in maniera abnorme il piede ( in piedi o camminare per molte ore )
  • Disturbi della pelle o psoriasi ed eczema
  • Indossare scarpe con i talloni regolarmente esposti
  • Carenze nutrizionali (ferro, calcio , vitamina E , acidi grassi Omega 3 e zinco)

Trattamento del crack epidermico (crepe della pelle)

La secchezza della pelle può variare da un minimo grado, fino a un’intensa xerosi accompagnata da crack epidermico e grave disepitelizzazione epidermica (secchezza cutanea accentuata). In presenza di crack epidermico e disepitelizzazione epidermica, soprattutto nel soggetto anziano, sono utili preparati emollienti che idratino la pelle secca e ricostituiscano la barriera cutanea alterata. Sono disponibili in commercio preparazioni ad applicazione cutanea, a base di Acido Traumatico e Biotina, ad azione emolliente/ricostituente nei riguardi della cute. Tali formulazioni ottimizzano il naturale ristrutturamento epidermico compromesso da stati di severa e perdurante secchezza cutanea.
L’attività sinergica del complesso Acido Traumatico – Biotina favorisce la fisiologica convergenza cheratinocitica (azione bio-mmecanica) con effetto rivitalizzante delle cellule di struttura cutanee compromesse da stati di eccessiva secchezza a carico del piede e della gamba, specialmente nell’anziano o in soggetti predisposti a dermatiti allergiche da contatto.  Risulta inoltre importante arricchire le formulazioni con Acido Ialuronico e Piroglutammato di Sodio con il fine di garantire l’effetto idratante, coadiuvando nel contempo il regolare ripristino della barriera idro-lipidica cutanea.

Ultimi articoli
Contattaci


Accetto il trattamento dati personali




Copyright ©2018: Podolife